Iran: Ammissioni Di Un Alto Esponente Del Regime Dei Mullah Sulla Cooperazione Con Al-Qaeda Prima Dell’11 Settembre

ncr-iran

In un’intervista dettagliata con Mohammad Javad Larijani, in merito alle sanzioni statunitensi sull’Iran e su altre questioni correlate, il presentatore gli chiede del ruolo di Al-Qaida e della sua connessione con il regime iraniano. Di seguito la traduzione di questa sezione dell’intervista:

PRESENTATORE: “Circa l’11 settembre e il ruolo di Al-Qaida?” 

MOHAMMAD JAVAD LARIJANI: “C’era una raccolta di rapporti secondo i quali questi elementi di al-Qaeda che viaggiavano qui dall’Arabia Saudita volevano andare in Afghanistan o altrove, venivano con voli o via terra, chiedendo di non timbrare il loro passaporto, perché se il governo saudita avesse scoperto che erano stati in Iran si sarebbero messi nei guai. Per alcune di queste richieste il nostro governo accettò di non timbrare i passaporti, dato che i viaggiatori erano in transito per due ore, sarebbero andati via, ma la loro entrata e uscita fu registrata. Per questo motivo, hanno detto, ad esempio, che fu come se l’Iran stesse cooperando con al-Qaeda. O per esempio hanno detto che un aereo che doveva passare da un luogo andando da un punto ad un altro della zona, mentre il pilota era membro di una squadra operativa a bordo e anche un comandante dell’esercito di Hezbollah era seduto su un’altra sedia, questo insieme di circostanze fece considerare che l’Iran direttamente o attraverso Hezbollah del Libano fosse in collaborazione con al-Qaeda in questo campo…”

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *